Se vuoi puoi..

martedì 29 maggio 2012

Siamo piccoli

Scoraggiata per le persone morte a causa delle ultime scosse qui in Emilia, perché molte si potevano evitare. Ma noi, genere umano, pensiamo sempre di essere i più forti e che tutto possiamo e nessun conto ci verrà chiesto. Non è così. Siamo piccoli di fronte alla Natura e Lei ce lo ricorda e Lei ci fa pagare il conto per le scelte avventate e superficiale che facciamo.
Stamattina alle 9.00 ero a scuola, appena suonata la campanella della seconda ora, iniziavo a parlare di reazioni di ossido riduzione e di come usarle per pulire l'argento. I ragazzi, all'unisono si alzano di scatto, qualcuno grida terremoto, qualcuno urla fuori. Le prove di evacuazione e la lettura del protocollo da seguire in caso di terremoto non sono stati incisivi come il panico che parte dai piedi che vibrano.
Una ragazza con la gamba ingessata non può correre. Sto lì vicino a lei, abbracciate alla colonna portante, intanto i vetri tremano e il loro rumore fa forse più paura del forte dondolio della Terra.
Dopo, tanti secondi, rallenta, usciamo, in strada e poi nello spiazzo più grande, il più lontano da edifici. La scuola è solida, nulla è caduto, ma il panico è in cortile con noi.
La ragazza col gesso piange, piange a dirotto, non riesce a muoversi, ha paura di morire, tra i singhiozzi. Almeno lei butta fuori.
Altri sono lì si abbracciano, occhi lucidi, occhi spaventati.
Appello di rito, tutti presenti i presenti. Tutti vogliono andare a casa. 
Ma tanti telefonini sono rimasti negli zaini in classe, prendo il mio e lo metto a disposizione, ma non c'è campo. Solo pochi prendono, le linee sono intasate, questi ragazzi non sanno come si stava quando non c'erano i cellulari.
C'è un sms di mio fratello, da Milano mi chiede come sto? 
Sto preoccupata, anche perché penso a Simpatica Canaglia e spero che non si sia spaventato, sto in pensiero perché papi Miki ha finalmente ripreso a lavorare e oggi era in un appartamento (ma dove?).
Genitori arrivano e si portano via i loro figlioli.
Alcuni sono al lavoro e non possono, aspetteremo insieme.
R. dalla Cina è tranquillo. Con un sorriso e una domanda cerco di capire se è solo apparenza. "Prof, quando ha tremato ho avuto paura e infatti sono scappato fuori, ma adesso sono a posto". E continua a chiacchierare in cinese con un suo conterraneo e sorride, allungando ancora di più i suoi occhi. Saggio!
P. dall'India è molto agitata, si fa male ad un dito con delle piante, non riesce a parlare con i suoi. 
Passano le ore, altre scosse, più lievi, arrivano notizie sull'epicentro del sisma.
Piano piano i ragazzi nel cortile diminuiscono. Il mio orario è finito da un po', forse se mi allontano riesco a telefonare per sapere come stanno tutti gli altri.
Simpatica Canaglia non si è accorto quasi di nulla, nonostante sia stato in cortile tutto il giorno.
Papi Miki è tornato a casa, stava lavorando in un palazzo del cinquecento e dopo la scossa delle 13.00 ha deciso che forse era meglio starne fuori, almeno per oggi.
Poi è andato in un paese vicino piuttosto colpito ad aiutare a trasferire gli anziani della casa di riposo in luoghi più sicuri.
Stanotte vedremo se Lei ci farà dormire o ci farà pagare una rata del conto.

 

25 commenti:

  1. spero che smetta e che possiate riprendervi, deve essere stato terribile, anche qui si è sentito molto, mi sembrava di essere ritornata al 76.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Mi sa che è meglio se state un po' più al nordi che troppo vicini a noi ;-).

      Elimina
  3. Eccoti..che brutt esperienza...che brutto sto senso di impotenza.ti abbraccio tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sly. Passerà anche questo, piano piano e speriamo non faccia altre vittime.

      Elimina
  4. Mi viene da piangere a leggere il tuo racconto. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dai stai tranquilla. Tanto spavento e ansia che ci vorrà un po' a metabolizzare. Speriamo che le prossime scosse previste non facciano vittime e troppi danni.

      Elimina
  5. speriamo passi presto e che si decidano a costruire in modo più sicuro. Abbracci solidali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di fronte a questi eventi è l'unica cosa fattibile oltre a una solida preparazione psicologica.

      Elimina
  6. Sono bastate piccole scosse per farci capire la paura, per metterci il pensiero e l'ansia che ogni cosa intorno cada, che nessun posto sia sicuro (scrivo da Lucca)... non so immaginare come si stia dove il pericolo è più concreto e tangibile... Un abbraccio e un pensiero costante. Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jessica, purtroppo è così, ma bisogna prenderne atto con serenità e fare in modo che i danni evitabili lo siano davvero.

      Elimina
  7. quest'anno ho scoperto cos'è davvero il terremoto. non come da studente succedeva ogni tanto, che lo vedevamo come un evento strano e simpatico.
    adesso mi prende il panico, lo ammetto. e che qui in provincia di verona (confine mantovano) si oscilla leggermente. non oso immaginare più vicino all'epicentro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è proprio quando ci sei dentro e davvero comprendi. Ma bisogna anche imparare a fronteggiare il panico perchè quello lo possiamo fare.

      Elimina
  8. cara ti capisco, e concordo sulla terra che presenta il conto.l'ho sempre pensato. un bacione

    RispondiElimina
  9. coraggio e in bocca al lupo! e che la smetta questa terra di tremare!

    RispondiElimina
  10. sarebbe già d'aiuto avere una visione come la tua. Nonostante il racconto che fa "tremare" l'emotività tu fai uso di parole come imparare a fronteggiare il panico, prenderne atto con serenità...quando la natura ti strappa via il presente è dura, però grazie per essere così positiva, saggia, non so come definirti forse semplicemente in gamba. Grazie per l'insegnamento .-).

    RispondiElimina
  11. Risposte
    1. Magari... ma al momento non sembra.

      Elimina
  12. Spero con tutto il cuore che sia finita qui, o quanto meno che sia finito il "grosso". So come vi sentite, ho vissuto nell'80 il devastante terremoto dell'Irpinia e anche avendo soli 7 anni ne porto un ricordo ben nitido in cuore...morti (tanti, tantissimi...2914 dicono fonti accreditate) e macerie ovunque...
    Da allora tante scosse in questi anni fino ad oggi, scosse magari più lievi, ma spesso ben avvertibili e dunque spaventose, specie per chi ricorda ciò che è stato allora.
    Ti mando un bacione Mammozza e ti sono vicina col pensiero.

    RispondiElimina
  13. Il tuo racconto è impressionante come le immagini che scorrono a fiumi su tutte le tv. Posso solo immaginare l'ansia che sentite ad ogni piccola scossa, Un abbraccio Mammozza.

    RispondiElimina
  14. felice di leggerti. tutto qui.

    RispondiElimina
  15. Un abbraccio forte forte, leggo solo ora....
    Siamo davvero piccoli!
    Paola

    RispondiElimina
  16. non riesco neanche a immaginare la sensazione. Quella cosa di essere obbligati a sospendere il tempo, vivere momento per momento e sperare, senza sapere..

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa con educazione è ben accetta
Causa invasione di commenti spam è inserita la moderazione ai post più vecchi di 14 giorni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...