Se vuoi puoi..

venerdì 4 novembre 2011

I venerdì del libro: "Il mostro peloso"

Anche questo venerdì per l'appuntamento settimanale con le proposte editoriali promosso da Paola segnalo uno dei 4 albi che la libreria Centostorie aveva messo in palio per festeggiare il suo compleanno. Si tratta di
TITOLO: Il mostro peloso
EDITORE: Emme
PAG: 36
ETA' CONSIGLIATA: da 3 anni
ISBN: 887927662X
Io non lo conoscevo ma cercando spunti per arricchire questo post ho appreso che si tratta di un classico dei libri per l'infanzia, pubblicato nel 1982 e ciclicamente ristampato (il mio porta data 2010).  Scopro che l'autrice, di origini italofrancesi ha sangue mantovano e legami con Bologna (forse anche lei è una tipa da su e giù per la pianura?).
Quella raccontata è una fiaba con un brutto mostro cattivo mangiauomini, un re fifone, una principessa bambina che sa il fatto suo e un happy ending, ma il legame con la tradizione si ferma qui. Nulla di triste, nulla di sdolcinato, la bambina protagonista è un vero peperino e al mostro che vuole papparsela risponde.... per le rime, letteralmente:
"Ora ti faccio la festa"
"Peli sulla testa"
"Mi prendi in giro, piccola insolente'"
"Peli sul dente"
"Ora basta facciamola finita"
"Peli sulle dita"
e così via  fino alla fine conclusione della storia.
Simpatica Canaglia ha riso molto durante la lettura, ovviamente le sue parti preferite sono quelle in rima e il mio divertimento consiste nel modulare la voce usando toni cupi per il mostro e una vocina un po' saputella per l'intelligente e spregiudicata principessina.
Ma non credo che ci si possa fermare a questo livello.
Qui entra in gioco la paura del mostro, qualsiasi esso sia, e come si possa usare l'intelligenza e l'ironia per sconfiggerlo.
Qui entrano in gioco l'autostima e la sicurezza in se stessi.
Qui entra in gioco la forza dei più piccoli che possono e devono staccarsi dagli adulti (personaggio del re) che in questo libro non fanno una bella figura.
Qui entrano in gioco un mare di possibili attività (che per ora ho solo in mente):
giocare con le parti del corpo che vengono citate nel libro (ideale soprattutto per i più piccoli)
Creare il proprio mostro, disegnandolo e magari decorandolo con tanti fili di lana per i peli o costruendolo con la cartapesta, e abituarsi alla sua presenza per esorcizzarne la paura.
Giocare con le rime (questo in realtà lo abbiamo un po' fatto, ma perchè lo stanno facendo anche a scuola)
Vi lascio un po' di link di idee e lavoretti trovati in rete
Su puntiappunti i bambini di una scuola elementare gli hanno dedicato una poesia in rima, ovviamente, lo hanno disegnato e hanno assistito a una drammatizzazione 
Progetto di animazione teatrale nei reparto pediatria
I burattini di chico il clown 
E alcune letture animate
un'altra fatta dai genitori di una scuola (eroi!)
Vi saluta Simpatica Canaglia
troppi peli sulla maglia
vi saluta anche mammozza
lava i peli nella tinozza

12 commenti:

  1. UN classico che non avevo mai sentito, me lo segno per il prossimo girò in biblioteca, credo che piacerà al piccolo di casa, con la lettura in modalità primo livello vista l'età.

    RispondiElimina
  2. Anche noi abbiamo avuto per le mani un libro del mostro peloso però devo dire che a mia figlia non sono piaciute le immagini. Ad un certo punto della storia il mostro scoppiava... e volavano pezzi da tutte le parti. La piccina si lascia facilmente impressionare.... A me però è simpatico!

    RispondiElimina
  3. uh me ne ha parlato Mamma in Verde! brava, me lo hai ricordato, lo devo cercare!

    RispondiElimina
  4. se è un classico, allora lo cerco in biblioteca, non lo conoscevo.
    Grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  5. Proverò a cercarlo in biblio, e gli darò un'occhiata... Mi sa che per D. è un po' presto ;)

    RispondiElimina
  6. Bella recensione, quanti spunti!
    ok, quando finalmente andrò in biblio lo cerco...

    RispondiElimina
  7. Anche noi l'abbiamo! A F. è piaciuto!

    RispondiElimina
  8. @ Kemate: vedreai che ti divertirai anche tu a modulare la voce sui 4 personaggi e a trovare i peli sul corpo dei tuoi bimbi.
    @ Stefania: mi sa che è proprio lo stesso libro. Però quando il mostro esplode si trasforma in fiori profumati e farfalle. Mi spiace che la piccola si sia spaventata.
    @ Stima, Monica, Robin e Ci: buona ricerca allora. Data la longevità del libro probabilmente lo potrete trovare con copertine diverse.
    @ Stella, la casettadelleidee: meno male che "questo classico" lo conosce anche qualcun'altro.

    RispondiElimina
  9. ciao noi con questo libro ci abbiamo fatto la merenda letteraria: http://supermamma.mammacheblog.com/2011/11/07/merenda-letteraria-il-mostro-peloso/
    e il segnalibro mostro:http://www.blogfamily.it/4533_costruire-un-mostro-peloso/
    in effetti i Child si sono divertiti tantissimo quasi quasi lo compro!

    RispondiElimina
  10. Ti andrebbe di partecipare al mio ultimo Love of Learning? Ti aspetto con le tue idee...

    RispondiElimina
  11. Non lo conoscevo, grazie anche delle presentazioni dei bambini! I mostri sono sempre utili, come dice G.K. Chesterton:
    “Le fiabe non dicono ai bambini che esistono i draghi: i bambini già sanno che esistono. Le fiabe dicono ai bambini che i draghi possono essere sconfitti.” .

    RispondiElimina

Ogni opinione espressa con educazione è ben accetta
Causa invasione di commenti spam è inserita la moderazione ai post più vecchi di 14 giorni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...